Modena, città di medie dimensioni, si trova nel cuore dell’Emilia, una terra di antiche tradizioni.

Visitarla vuol dire apprezzare la buona tavola, ricercare arte e storia per il suo delizioso centro storico ed amare i grandi geni che l’hanno resa famosa in tutto il mondo.
Il numero di turisti è in constante aumento, anche grazie alle politiche sul territorio, volte a mettere in evidenza tutte le sue eccellenze.

Scopriamola in compagnia di: Laura Tenebrosi

Laura Tenebrosi è una blogger di viaggio, titolare del sito Viaggiare con Laura
Modenese da sempre, anche se con sangue mantovano da parte di padre, vi porterà alla scoperta della sua amata città, aggiungendo qualche chicca ai classici itinerari turistici.

Presentati e raccontaci del tuo blog

Laura Tenebrosi di Viaggiare con Laura

Ciao, sono Laura, abito a Modena e sono blogger e reporter di viaggio, oltre che mamma e moglie.
Contabile per 23 anni, causa scadenza di un contratto di lavoro, ho deciso di dedicarmi alla mia passione più grande: il mio blog.
Adoro programmare itinerari di viaggio, anche insoliti, dare consigli e fotografare.
Prediligo i viaggi itineranti, specie alla scoperta del vecchio continente.
Adoro il mare della Grecia e sono letteralmente innamorata della Francia, pur non parlando nemmeno una parola di francese.
Ogni viaggio che faccio, include sempre qualcosa fuori dall’ordinario, che spesso il turista italiano non conosce.
Il ‘goal’ del mio blog è proprio questo: far scoprire mete insolite ed alternative, ma non per questo meno affascinanti.
Collaboro con una testata giornalistica della mia città da fine 2015, curando una rubrica di viaggi settimanale.

Dove possiamo continuare a seguirti?

Mi trovate sul mio sito www.viaggiareconlaura.com
Su facebook alla pagina Viaggiare con Laura
Su Instragram viaggiare_con_laura
Twitter laurat74
Google+ LauraTenebrosiViaggiareconLaura
Da poco anche su Pinterest

Veniamo al dunque dacci dei consigli!

Modena è conosciuta da tutti come terra di motori, per la sua gastronomia e per la grande voce di Luciano Pavarotti (senza dimenticare il mitico Vasco Rossi!!).
Però merita una visita accurata anche il suo centro storico, con le sue botteghe tradizionali, le piazzette nascoste e la meravigliosa Ghirlandina!

Cosa vedere a Modena

Piazza Grande

La visita della mia città parte sicuramente dal suo cuore più antico, Patrimonio Unesco dal 1997.
Piazza Grande, il Duomo e la sua torre campanaria, la Ghirlandina, sono di una bellezza straordinaria, specie nelle giornate di cielo terso, dove l’azzurro contrasta magnificamente col bianco della nostra amata torre.

Ghirlandina Piazza Grande

La Cattedrale di Modena è uno degli esempi più importanti di romanico a livello europeo e risale all’anno 1099.
Visitatene gli interni, salite sulla Ghirlandina e passeggiate per la piazza, scoprendone l’antichissima Pietra Ringadora, e l’altrettanto nota statua della Bonissima.
Consultate il sito per maggiori informazioni e per gli orari di visita anche dei suoi musei.

Duomo di Modena

Canalchiaro e Piazzetta S. Giacomo

Da Piazza Grande parte corso Canalchiaro, una delle vie principali del nostro centro storico.
Percorretela fino in fondo, ammirate la bella chiesa di San Francesco e scoprite la Piazzetta S. Giacomo, per me la più graziosa di Modena.
In questa zona si trova anche il famoso ristorante ‘La Francescana’ dello chef stellato Massimo Bottura.

Palazzo Ducale

La più antica Accademia Militare d’Europa ed anche la più prestigiosa, era l’antica residenza degli Estense i Sigg.ri di Modena.
La visita parziale ai suoi interni non è sempre possibile, ma è comunque un luogo di grande fascino, specie ora che Piazza Roma è stata chiusa al traffico.

Accademia militare di Modena

Via Emilia

Percorretela completamente, da una parte all’altra del centro. I ‘portici della Standa’, come li chiamiamo noi modenesi, sono uno dei punti più belli.

Sant’Eufemia

Non si può tralasciare questo angolo bohemien di Modena, proprio di fronte alla facciata del nostro Duomo. Piccole caffetterie, mercatini e negozi allieteranno la vostra passeggiata.

Via Farini e sosta alla bottega storica Giusti

Proprio da Piazza Roma parte l’elegante via Farini. Fermatevi per un caffè da Giusti, nata come bottega storica ed ora anche raffinata trattoria.
Rimarrete affascinati dai suoi interni retrò della sua bottega e dalle prelibatezze esposte al suo interno.

Bottega Giusti

Zona Pomposa

Un tempo degradata, oggi zona viva e giovane, con locali di tendenza in grado di soddisfare tutti i gusti.
La sua piazza offre uno degli scorci più belli del centro storico e la chiesa, austera, è per me una piccola perla.

Cosa fare a Modena

Venire in occasione del Santo Patrono, il 31 gennaio

Tutta la città è in festa.
Ci sarà un grande mercato per tutto il centro storico, e sarà possibile accedere alla cripta dove sono conservate le spoglie (dall’anno 1106) del nostro Santo Protettore.

Pranzare in un locale tradizionale del centro storico

Potete scegliere tra Ermes, l’Aldina, Omer o Schiavoni, a fianco del mercato coperto di Via Albinelli, altra isitutione modenese.
Ovunque vi troverete bene.

Museo Casa Enzo Ferrari

Conosciuto anche come MEF, è stato inaugurato nel marzo del 2012 e sorge proprio accanto alla casa-officina dove nacque il nostro grande uomo e pilota.
Già la struttura in sé merita un attimo del vostro tempo.
Al suo interno, oltre allo spazio espositivo, troverete uno store ed una caffetteria, un’aula didattica ed una sala eventi.
Maggiori informazioni sul sito ufficiale.

Casa Museo Luciano Pavarotti

Un altro grande uomo che ha fatto conoscere Modena a tutto il mondo!
Qualcuno ricorda Pavarotti & Friends?
Si svolgeva al Foro Boario di Modena, presso il centro storico, ed ha ospitato i grandi nomi della musica italiana ed internazionale.
Ora si può visitare la casa dove ha vissuto i suoi ultimi anni e scoprire chi era davvero quest’uomo dalla voce incredibile, smessi i panni dell’artista.
Questo il sito ufficiale.

Visitare un’acetaia

L’aceto balsamico di Modena è famoso in tutto il globo!
Ogni comune modenese ha la sua acetaia, oltre chiaramente a quelle private.
Non avrete problemi ad organizzare una visita, ma forse avrete davvero imbarazzo nella scelta!

Laura, grazie per averci fatto conoscere questo angolo d’Italia. A presto!

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *