Imperia è il capoluogo di provincia dell’estremo Ponente ligure.
Non è particolarmente grande, anzi.
Fu creata a tavolino, per volere di Mussolini, nel 1923, dall’unione di due cittadine confinanti, Porto Maurizio e Oneglia.
L’una, Porto Maurizio, ha il suo nucleo storico nel colle del Parasio, un bellissimo borgo medievale con una splendida vista sul Golfo, alcuni punti panoramici e monumenti notevoli, e il grande Duomo dedicato a San Leonardo da Porto Maurizio.
L’altra, Oneglia, è un borgo di mare, la cui vocazione è rimasta ben evidente nel piccolo porticciolo, che oggi ospita qualche yacht, ma che per la maggior parte continua ad essere legato alle attività della pesca.
Oneglia e Porto Maurizio sono separate dal Torrente Impero, la cui valle scende direttamente dal Piemonte: risalendola si raggiungono tantissimi piccoli borghi dell’entroterra, ognuno caratteristico, abbarbicato al suo colle, ognuno con una storia antica da raccontare.

Anche se città di mare, Imperia deve molto ai prodotti del suo entroterra, in particolare all’olio: le colline, sistemate a fasce, cioè a terrazzamenti sostenuti da muretti in pietre a secco, ospitano oliveti a perdita d’occhio.
Qui hanno sede alcuni importanti oleifici, il più noto dei quali, l’Olio Carli, è diffuso a livello nazionale.

Oneglia

Scopriamola in compagnia di: Marina Lo Blundo

Marina Lo Blundo è la travel blogger di Maraina in viaggio.
Nata a Imperia, anche se non vive più in Liguria da 10 anni, vi accompagnerà alla scoperta della sua città.

Presentati e raccontaci del tuo blog

Marina Lo Blundo

Ho 36 anni, sono archeologa, negli ultimi 10 anni ho vissuto e lavorato a Firenze, ma dal 2018 ho cambiato drasticamente vita trasferendomi a Ostia antica per lavoro.
Amo tantissimo viaggiare e del viaggio mi piace l’aspetto del poter raccontare qualcosa di nuovo e di diverso, col mio personale punto di vista.
Per questo considero tutto viaggio: dalla gita fuoriporta al viaggio intercontinentale, e non reputo un’esperienza inferiore a quell’altra (anche se, devo ammetterlo, il timbro sul passaporto mi dà una gioia senza pari!).
Il mio primo travelblog nacque addirittura nel 2006.
Nel 2011 però fu chiusa la piattaforma che lo ospitava e io in fretta e furia aprii il blog attuale su wordpress. Maraina in viaggio racconta i miei itinerari, i miei diari di viaggio, i miei consigli, le mie mete preferite, focus su città o monumenti; da archeologa, cerco sempre un punto di vista culturale. Cerco di parlare di temi svariati, ma con un’unica costante: si tratta sempre di esperienze vissute da me “in prima persona”.

Dove possiamo continuare a seguirti?

Mi trovate sul mio blog Maraina in viaggio.
Se volete seguirmi su fb, ho la mia piccola pagina Maraina in viaggio, nella quale carico tante foto e piccoli episodi di escursioni quotidiane, tutto ciò che non trova spazio sul blog; ho anche un profilo twitter piuttosto attivo, @viaggimarilore, perché mi piace condividere in tempo reale e dialogare con altri appassionati di viaggi!
Infine ho un profilo instagram, @maraina81, nel quale ogni giorno condivido una foto: non solo viaggi o gite fuoriporta, ma sguardi, sguardi sul mondo, al quale mi rivolgo con la stessa curiosità di un bambino.

Veniamo al dunque: dacci dei consigli!

Mare e entroterra. Imperia sta nel mezzo.
Città sul mare proiettata però sulle colline che la avvolgono, è poco distante dal confine francese, quindi è un punto di partenza ideale per l’esplorazione della Costa Azzurra e della Provenza e del Ponente Ligure, ovviamente.
Imperia vive d’estate, come ogni buona città di mare prevede, ma è piacevole anche in inverno, grazie al clima particolarmente mite.
Ho due consigli: la mattina dedicatela a Oneglia, passeggiate al sole in Calata Cuneo, il fronte del Porto, pranzate in uno dei tanti ristorantini che vi si trovano (uno, da non perdere, è direttamente a bordo di un peschereccio!); il pomeriggio invece spostatevi al Parasio di Porto Maurizio, godetevi il calar del sole sotto le Logge di Santa Chiara, uno dei monumenti più romantici del borgo.
Se siete romantici, non potete non percorrere la Passeggiata degli Innamorati, che dalla Marina di Porto Maurizio porta in una piccola baia, il Prino, alla foce del torrente Prino, sempre a Porto Maurizio.

Porto Maurizio

Cosa vedere a Imperia

Ve lo dico: da archeologa, io vado per musei! Ma guardando sempre alle due anime: l’olio e il mare.

Museo dell’Olivo

Il Museo dell’Olivo è un bel percorso didattico e storico alla scoperta della storia dell’olio nel Mediterraneo.
La collezione privata di oggetti d’antichità a tema olio (anfore e lucerne, principalmente) si è ampliata nel tempo.
Dai Greci fino a noi, l’olio è il prodotto più importante del Mediterraneo di cui la Liguria può orgogliosamente dirsi una grandissima produttrice.
Per info sulle visite: museodellolivo.

Museo Navale Internazionale del Ponente Ligure

Inaugurato di recente, il museo è un grande spazio nel quale troviamo tutto quello che si può chiedere al mare: una grande collezione di modellini di nave, di divise di capitani degli ultimi due secoli; la ricostruzione della Taranto, grande nave che fu affondata durante la II Guerra Mondiale; una cabina radio, uno spazio didattico per imparare la vela e uno spazio dedicato alla biologia marina (al largo del Ponente Ligure si colloca il Santuario dei Cetacei, e proprio dal porto di Porto Maurizio partono quotidianamente escursioni di Whale Whatching).
Per info sulle visite ecco il sito del museo e del whale whatching.

Museo Navale di Imperia

Cosa fare a Imperia

La festa di San Giovanni

San Giovanni non fa inganni.
La festa del Patrono di Oneglia, a giugno, dura almeno una settimana, con una grande sagra sul molo della Spianata di Oneglia, e culmina nel giorno della Fiera, ma soprattutto ha il suo clou nella processione religiosa che parte dalla chiesa di San Giovanni a Oneglia e attraversa la città.
La sera di San Giovanni, poi, la festa culmina nei fuochi d’artificio sul molo di Oneglia: uno spettacolo che ogni anno raduna tutti gli Imperiesi, i quali alla fine commentano sempre “Erano meglio quelli dell’anno scorso!”

Le Vele d’epoca

Ogni due anni (la prossima sarà nel 2018!) Porto Maurizio ospita una rassegna di regate che diventa occasione per sfilate di bellissimi panfili.
I fotografi amano questa rassegna, che consente loro di realizzare degli scatti superbi!
A Imperia è attiva una buonissima scuola di vela, che cresce giovanissimi velisti con una passione innata e smodata per il mare.
Le Vele d’epoca sono il giusto contorno alla vocazione marinara della città.
Per info vi srimando al sito ufficiale.

Olioliva

A metà novembre, tempo di olio nuovo, Imperia organizza una tre-giorni in cui le eccellenze del territorio si mostrano e offrono alla gente i propri prodotti, le proprie particolarità, il proprio saper fare.
Sbagliato definirla fiera, piuttosto un’esposizione, per le vie di Oneglia, di ciò che di buono e di bello Imperia offre al mondo intero.
Per info: promimperia.

Olivo ligure

Marina, grazie per averci fatto conoscere questo angolo d’Italia. A presto!

Condividi:

2 thoughts on “Imperia: la doppia anima di una città di mare”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Error: Access Token is not valid or has expired. Feed will not update.
This error message is only visible to WordPress admins

There's an issue with the Instagram Access Token that you are using. Please obtain a new Access Token on the plugin's Settings page.
If you continue to have an issue with your Access Token then please see this FAQ for more information.