Ferrara è un comune di circa 132 418 abitanti, ubicata sul lato orientale dell’Emilia Romagna, divisa tra la pianura padana e il mare Adriatico.

Piccola cittadina dai tratti provinciali, con un animo storico e con un pizzico di spirito campagnolo, Ferrara ha una vasta provincia contesa tra agricoltura e aree naturalistiche protette. Un territorio ricco di storia e meraviglia, reso mitico dalle parole dell’Ariosto e dalle opere di De Chirico.

Il suo ricco patrimonio storico artistico, in buona parte dovuto alla lungimiranza della famiglia Estense, è stato insignito dall’UNESCO come Patrimonio Mondiale dell’Umanità nell’1995, riconoscimento avuto poi successivamente nel 1999 anche per le sue aree naturali del Delta del Po.

Tanti i consueti eventi che si tengono ogni anno a Ferrara, ricordiamo i più famosi, come il Palio Storico di maggio, tra i più antichi in Italia, il Buskers Festival in agosto e il Balloons Festival a fine settembre.

Ferrara è una città che si sta via via aprendo sempre più al turismo, con un’offerta sempre più nuova e variegata.

Scopriamola in compagnia di: Sara Govoni

Sara Govoni è la travel blogger di Cappellacci a Merenda.
Nata e tuttora residente a Ferrara, si divide tra la sua città e Bologna per lo studio.
Parte del suo blog è dedicato proprio alla sua città, alla promozione della sua cultura e del suo storico territorio, oltre agli eventi che regolarmente si tengono ogni anno.

Il suo pensiero è che Ferrara è una città dal grande potenziale inespresso, a volte ancora insicura per osare: la sua intenzione è di dare una nuova spinta e nuova luce a questa città che ha ancora tanto da dare e ha ancora molto da far conoscere ai turisti!

Cappellacci a merenda

Presentati e raccontaci del tuo blog

Sara Govoni

Cappellacci a Merenda ha una doppia anima di destination blog e travel blog. Nato prima di tutto per lavorare al brand di Ferrara, si è poi allargato alle destinazioni più diverse, con travel tips, itinerari e tanti suggerimenti su destinazioni vicine e lontane. È un blog giovane, nato alla fine del 2017, ma con tanta grinta e voglia di crescere.

Dove possiamo continuare a seguirti?

Potete seguire Cappellacci a Merenda sul blog ovviamente: www.cappellacciamerenda.altervista.org
E sui social:
Facebook Cappellacci a Merenda
Instagram @cappellacciamerenda

Veniamo al dunque: dacci dei consigli

Ferrara sta diventando una meta turistica abbastanza nota in particolare negli ultimi anni, con numerosi eventi e festival che passano dal lifestyle alla gastronomia fino ovviamente all’arte.
È la tipica destinazione da una giornata o un weekend e, come spesso si dice, è proprio una città a misura d’uomo, tutti i punti d’interesse sono perfettamente raggiungibili a piedi, ma, se volete un’esperienza più caratteristica, inforcate la bicicletta e vivetela da ferrarese doc!

Cosa vedere a Ferrara

Castello Estense

Il castello di Ferrara, tra i pochi in Europa con ancora il fossato intorno, è il fiore all’occhiello della città, il simbolo della grandiosità estense.
Visitandolo, si possono ripercorrere le varie epoche storiche e stili artistici. In particolare, sono molto suggestive le prigioni, che raccontano le intricate vicende di Ugo e Parisina, e la Torre dei Leoni, punto panoramico della città, da cui si può avere una vista incredibile su tutto il centro storico.

Sul sito ufficiale potete trovare tutte le informazioni utili per pianificare una visita da soli o in gruppo.

Castello Estense

Duomo, ossia la Cattedrale di San Giorgio Maritre

A Ferrara lo chiamiamo semplicemente Duomo e, a mio avviso, è una delle facciate più belle d’Italia.
Le scene del giudizio universale impresse nel marmo bianco sono davvero forti, si potrebbe passare una buona mezzoretta soltanto per osservare ogni suo singolo dettaglio.
La loggia dei Merciai, posta al fianco destro e che segue tutta Piazza Trento Trieste, è sempre stata occupata dai negozi, fin dall’epoca medievale.
Il colorato campanile in marmo bianco e rosa, è invece un’opera incompiuta di Leon Battista Alberti, ma nel museo dela cattedrale, è possibile scoprire il progetto originale.
Attualmente la facciata del duomo è in restauro, ma è comunque possibile visitare l’interno.

Piazza Trento Trieste

Palazzo dei Diamanti

Uno dei bugnati più particolari, un unicum a Ferrara, questo edificio si trova nel cuore dell’Addizione Erculea, rinnovamento architettonico della città ad opera di Biagio Rossetti nel lontano 1492. Famoso per la leggenda del diamante nascosto al suo interno e le moltissime mostre annuali, il piano nobile del palazzo ospita la Pinacoteca di Ferrara, una full immersion nella storia dell’arte ferrarese.

Maggiori informazioni su orari e mostre in corso le potete trovare al sito dedicato.

Palazzo dei Diamanti

Santa Maria in Vado

Nella parte più antica della città, si nasconde una delle chiese più belle di Ferrara, la chiesa di Santa Maria in Vado. Famosa meta di pellegrinaggio dei tempi antichi per via del miracolo dell’ostia avvenuto il giorno di Pasqua, questa chiesa raccoglie una grande parte del lavoro di Carlo Bononi, artista ferrarese del 600.
Visitare questa chiesa significa anche addentrarsi nelle vie più antiche e caratteristiche di Ferrara, nel luogo dove la città nacque e da cui si sviluppò.

Santa Maria in Vado

Via delle Volte

Via medievale per antonomasia, piccola e un po’ angusta, è il luogo perfetto per fare un tuffo nel medioevo. È la tipica viuzza instagrammabile.
Passeggiando, si possono trovare numerose trattorie e ristoranti di cucina tipica ferrarese.

Via delle Volte

Cosa fare a Ferrara

Visitare una mostra al palazzo dei Diamanti

Tante sono le mostre in programma nelle splendide sale del Palazzo dei Diamanti, che spaziano tra gli stili e le epoche più diverse, tra l’arte ferrarese a quella completamente estranea alla città delle bicilette.

Anche in questo caso, vi rimando al sito ufficiale per le info dettagliate e per scoprire le mostre in corso e future.

Mangiare cappellacci

Dando il giusto riscontro al blog, l’invito è di gustare la tipica cucina ferrarese, fatta di piatti non subito leggeri ma davvero molto golosi. Sono tantissime le trattorie ospitate nel centro storico della città, avete l’imbarazzo della scelta!

Tipica trattoria di Ferrara

Assistere al Palio

Maggio è il mese del Palio per eccellenza. Il palio ferrarese vanta una storia antichissima, i testi storici lo individuano già nel 1259.
Tanti sono i cortei storici e le rievocazioni ad opera delle numerose contrade divise tra i vari quartieri della città. Si respira aria di festa, vengono esposti gli stendardi con i colori delle varie contrade e pare di ritornare ai fasti e alle feste della corte estense.

Vivere il Buskers Festival

Un modo per vedere una Ferrara diversa dal solito, più caotica, più rumorosa e più vitale.
Il Buskers Festival, evento consueto che coinvolge l’intero centro storico della città estense, si tiene tutti gli anni ad agosto, e raccoglie tantissimi artisti di strada tra cantanti, ballerini, giocolieri, intrattenitori, lettori di carte e maghi, tutti pronti a riempire di colore e vita le vie del centro.

Al sito del festival potete trovare tutte le informazioni e gli artisti che si esibiranno per la prossima edizione e votare i vostri preferiti una volta partecipato a queste giornate di musica e colore!

Sara, grazie per averci fatto conoscere questo angolo d’Italia. A presto!

 

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *