Eccomi qua, mancano ormai poche ore ad una nuova partenza.

Come ogni volta, la storia è sempre la stessa: mesi prima prenoto un viaggio e la felicità è alle stelle, una settimana prima preparo lo zaino e la confusione prende il sopravvento sulla lista di cose da preparare e poi arriva il giorno prima…

Quelle 24 ore che precedono la partenza sono sempre le più belle, perché è in quelle ore che il vero significato del viaggio viene fuori.

Succede sempre così.

Qualsiasi cosa io faccia in quelle ore mi porta a pensare “Domani a quest’ora sarò in aereo” o “Domani a quest’ora sarò dall’altra parte del mondo” e in quei momenti la testa è già là.

Inconsciamente inizio a crearmi l’idea di quello che troverò, inizio ad elaborare le emozioni che spero di provare.

La routine di tutti i giorni in quelle 24h non esiste più: vivo in un universo a sé, fatto di pensieri e di aspettative.

Il viaggio è la mia malattia ed è in queste occasioni che ne ho la conferma.

Il problema è che l’unica cura a questa malattia è viaggiare ancora.

Condividi:

10 thoughts on “Emozioni prima di un viaggio”

  1. Come ti capisco!! Non avresti potuto descriverlo meglio 😀 anzi, almeno ora non mi sento l’unica che prima della partenza si dice “fra 24 ore sarò a… starò facendo… starò guardando…” hahaha!

    Bellissimo post 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Error: Access Token is not valid or has expired. Feed will not update.
This error message is only visible to WordPress admins

There's an issue with the Instagram Access Token that you are using. Please obtain a new Access Token on the plugin's Settings page.
If you continue to have an issue with your Access Token then please see this FAQ for more information.